HOME PAGE
HOME PAGE
Parrocchia di San Lorenzo Martire - via Leone XIII, 15 - quartiere di Redona (Bergamo)
- Home
- Contatti - info
 
Calendario
- Pastorale
- Settimanale
 
Catechesi
- Catechesi adulti
 
Omelie
 
Contenuti CD
- Catechesi
- Itinerari
- Omelie
 
Archivio
- Eventi
 
Donazioni
- Su conto corrente
 
Periodico mensile
- DVD raccolta annate 1981-2008
- Sommari annuali
 
Collegamenti
29/11/09 I domenica di AVVENTO
INIZIO E LETTURE OMELIA

San Francesco
da un'icona della parrocchiale


FRANCESCO
Itinerario di Avvento
2009

 

2

Un movimento di fraternità


"Vivere secondo il santo vangelo" "E dopo che il Signore mi donò dei frati, nessuno mi mostrava che cosa dovessi fare; ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo la forma del Santo Vangelo E io con poche parole e semplicemente lo feci scrivere, e il Signor Papa me lo confermò. E quelli che venivano per ricevere questa vita, davano ai poveri tutte quelle cose che potevano avere; ed erano contenti di una sola tonaca rappezzata dentro e fuori, del cingolo e delle brache. E non volevano aver di più".

(Testamento, n. 16-27)

Che cos'è la fraternità? "Similmente, tutti i frati non abbiano alcun potere né dominio, soprattutto tra di loro. Perché, come dice il Signore nel Vangelo: "I governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo" (Mt 20,25-27). E nessuno faccia del male e dica male di un altro; ma per la "carità dello spirito" si servano volentieri a vicenda e si obbediscano "gli uni gli altri" (Gal 5,13). Questa è la vera e santa obbedienza di nostro Signore Gesù Cristo".

(Prima Regola V, 9-15)

Un movimento di fraternità

Attorno al giovane Francesco e all'aria di Vangelo che si solleva con lui, arrivano giovani e meno giovani per condividere la sua scelta. Il Vangelo assume il volto della fraternità. È l'aspirazione di un' epoca a cui il Vangelo dà un volto inaspettato.

Con i primi undici "frati", Francesco si reca a Roma dal Papa il quale, colpito dall'umiltà e dalla radicalità di questi uomini, approva il loro progetto di vita.

Prima in capanne attorno a Assisi, poi a centinaia e migliaia nelle città d'Italia e d'Europa, i "frati minori" recano l'annuncio di un Vangelo di povertà e di pace.

Francesco sente che il vento della fraternità non può fermarsi alla cristianità. Il Vangelo apre a una fraternità universale. Il mondo di allora era diviso in due blocchi: da un lato la cristianità, dall'altro l'islam. E tra i due blocchi c'era la guerra santa: la crociata. E Francesco, ingenuamente, parte per incontrare il Sultano...

In questa storia di Francesco, e in particolare in questo suo sogno di fraternità, c'è qualcosa di attuale?