HOME PAGE
HOME PAGE
Parrocchia di San Lorenzo Martire - via Leone XIII, 15 - quartiere di Redona (Bergamo)
- Home
- Contatti - info
 
Calendario
- Pastorale
- Settimanale
 
Catechesi
- Catechesi adulti
 
Omelie
 
Contenuti CD
- Catechesi
- Itinerari
- Omelie
 
Archivio
- Eventi
 
Donazioni
- Su conto corrente
 
Periodico mensile
- DVD raccolta annate 1981-2008
- Sommari annuali
 
Collegamenti

   


    calendario

LA COMUNITÀ E LE SUE FORME


La nostra comunità viene da lontano. Raccoglie il cammino di tante persone che ci hanno aiutato a costruire umanità seguendo il Vangelo. Lo hanno fatto in maniere molto diverse lungo i secoli, fino a questi ultimi decenni, quando, su impulso del Concilio, è iniziato un lavoro di ripensamento e di riformulazione del nostro modo di essere cristiani. Si è lavorato parecchio, in questi anni, in Comunità, aiutati da guide esperte. Desideriamo continuare il cammino, sentendoci comunità radicata sul territorio e nel Quartiere di Redona, tesa a costruire con tutti la Città degli uomini. Questo cammino raccoglie tutte le dimensioni costitutive dell’umano: le relazioni, il lavoro e la festa, la cittadinanza, la fragilità, la tradizione intesa come trasmissione e consegna della vita in tutta la sua ricchezza e complessità. Esse sono il luogo nel quale si costruisce autenticamente l’uomo nel suo collocarsi dentro la storia e lo spazio. Sempre nel tentativo di dare forma alla bella notizia di un umano abitato dal Vangelo. La comunità vive questo nell’impegno costante ad ascoltare sempre di nuovo il Vangelo leggendolo dentro la storia concreta che vive; nel rito, soprattutto nell’Eucaristia e nei sacramenti, attraverso i quali dà forma all’esistenza di tutti e di ciascuno; nelle scelte concrete della vita, segnate dal tentativo di dare forma all’amore, alla carità. I vari cammini della comunità interpretano tutte queste dimensioni e questi aspetti di vita, in costante dialogo con le altre comunità cristiane e con il vescovo, sul territorio e dentro la Città. Qui vorremmo fermarci in particolare su alcuni dei cammini della comunità e sulle forme particolari che assumeranno lungo questo anno.

CAMMINARE INSIEME
ALLE ALTRE COMUNITÀ

È consolidata nella nostra comunità la consapevolezza del suo cogliersi collocata dentro un territorio e dentro la Città. Non esiste che così: nell’impegno a darsi forma dentro questo spazio concreto e dentro questo tempo, nell’impegno a contribuire alla costruzione della città degli uomini. In questi anni sta prendendo sempre più piede, però, la scelta di vivere questo insieme con le altre comunità cristiane e con gli altri quartieri della Città. Tessere reti, costruire inclusione, condividere diventa sempre più la forma normale nella quale si struttura il cammino delle comunità. Perché arricchisce maggiormente; perché fa entrare meglio dentro le dinamiche del lavoro sociale; soprattutto perché dice meglio della fraternità del Vangelo. Per questo si sono strutturati percorsi di coordinamento e di condivisione tra le Caritas cittadine; si sta cercando di creare scambio e comunicazione tra altri ambiti del lavoro pastorale; si stanno creando progetti condivisi tra comunità (l’accoglienza dei rifugiati, ad esempio). Per questo, accanto al “tavolo dei curati” che già da anni ha impostato il suo lavoro, si è costituito il tavolo dei parroci e si è incominciato a lavorare maggiormente tra i preti dentro la Città.