HOME PAGE
HOME PAGE
Parrocchia di San Lorenzo Martire - via Leone XIII, 15 - quartiere di Redona (Bergamo)
- Home
- Contatti - info
 
Calendario
- Pastorale
- Settimanale
 
Catechesi
- Catechesi adulti
 
Omelie
 
Contenuti CD
- Catechesi
- Itinerari
- Omelie
 
Archivio
- Eventi
 
Donazioni
- Su conto corrente
 
Periodico mensile
- DVD raccolta annate 1981-2008
- Sommari annuali
 
Collegamenti

Contatti

Segreteria parrocchiale
Segreteria Oratorio
Segreteria "Le Piane"
via Leone XIII, 15
via Leone XIII, 20
via Leone XIII, 16
tel. 035 341545
fax 035 3691611
tel. e fax 035 343507
tel. 035 343904
Possibilmente dalle 9 alle 12
e dalle 15 alle 18
Preferibilmente
il pomeriggio dalle 15 alle 19
Dalle 9 alle 11.30
 

Suore Sacramentine
via Leone XIII, 5
Cineteatro Qoelet
via Leone XIII, 22
Associazione
"Le Piane di Redona"
tel. 035 341458
 
 
 
Informazioni
Segreteria parrocchiale
- Per parlare con i preti
- Per chiedere ai sacerdoti una visita in casa
- Per segnalare ammalati da visitare
- Per chiedere un appuntamento
- Per iscriversi all’ itinerario di matrimonio
- Per presentare la richiesta del Battesimo
- Per la richiesta di documenti
- Per fare un’offerta
- Per le Messe di suffragio
- Per l’abbonamento a Comunità Redona
- Per dichiarare qualsiasi disponibilità
Segreteria Oratorio
- Per parlare con il prete dell’Oratorio
- Per informazioni sulle attività
- Per il catechismo dei ragazzi
- Per itinerari Prima Comunione e Cresima
- Per gi atelier degli adolescenti
- Per cammini di formazione dei giovani
- Per il doposcuola
- Per l’iscrizione al Redonestate
- Per i noleggio di ambienti e sale
Gruppi parrocchiali
e Progetti Caritas
   
Segreteria «Le Piane»
- Per informazioni sui servizi
- Per informazioni sulla Casa Anziani
- Per la denuncia redditi
- Per consulenze fiscali
- Per le attività del Qoelet
- Per richieste ai gruppi caritativi
- Per il sostegno scolastico
- Per dichiarare qualsiasi disponibilità
I servizi della Comunità


S. MESSE - Assemblea di alleanza nella quale i cristiani ascoltano la Parola del loro Signore e mangiano con lui il sacro banchetto. E il centro della domenica dei cristiani. Normalmente si celebra nella chiesa che raccoglie tutta la comunità. La nostra comunità ha due chiese: la vecchia parrocchiale, chiamata "chiesa minore", annessa all'oratorio; e la nuova parrocchiale, la "chiesa maggiore". Nei giorni feriali la chiesa minore è aperta tutto il giorno, a partire dalla messa delle 8. Alle 17.30 si apre la chiesa maggiore, in cui si celebra la messa delle 18,30.
Nei giorni festivi le messe vengono celebrate in chiesa maggiore:
il sabato, la prefestiva alle 18,30
la domenica alle 8, alle 10.30 e alle 18,30.

CONFESSIONI - Momento dell'incontro sacramentale tra il fedele che confessa i suoi peccati e il perdono misericordioso del Signore. Esso può avvenire in forma riservata o in forma più solenne e comunitaria in varie circostanze della vita e in vari momenti dell'anno liturgico. Nell'itinerario di Avvento e di Quaresima viene data l'opportunità di una confessione «comunitaria» con la presenza di diversi confessori. La confessione individuale è sempre prima e dopo la celebrazione delle messe. In particolare ogni sabato pomeriggio, mezz’ora prima della messa delle 18,30, ed ogni domenica mattina tra la messa delle 8 e quella delle 10,30, è sempre presente, in chiesa maggiore, un confessore. Per una confessione-colloquio o per un confronto spirituale è bene prendere appuntamento con i singoli presbiteri.

CATECHESI - È lo spazio dell'istruzione cristiana: dell'insegnamento costante e sistematico che educa a conoscere la fede e a vedere come ad essa si rapporta tutta la nostra vita. Viene data l'opportunità della catechesi a:tutte le età: ai ragazzi, adolescenti, giovani, adulti. Per i ragazzi e gli adolescenti con un ritmo settimanale (di solito venerdì e sabato pomeriggio e la domenica per gli adolescenti), con l'aiuto di persone che si preparano e si mettono a servizio dei ragazzi. Per gli adulti: il mercoledì pomeriggio e il giovedì sera.

BATTESIMI - Il Battesimo è il rito con il quale si viene aggregati alla comunità cristiana. Di solito ad essere battezzati sono i bambini appena nati. L'iniziativa allora è dei genitori i quali rivolgono la domanda di battesimo alla comunità. La preparazione alla celebrazione consiste, in genere, in un dialogo tra la comunità e la famiglia che, a seconda delle situazioni, ha diversa durata e modalità. È possibile anche ricevere la visita di una coppia di laici che rappresenta il riferimento e la testimonianza dell'accoglienza della comunità tutta. Per i battesimi, che si celebrano una volta al mese, in orari diversi, occorre prendere contatto, per tempo, con il parroco contattando la segreteria parrocchiale. In alcuni casi può essere anche un adulto a chiedere il battesimo. Ci sono percorsi specifici che accompagnano questo cammino. È bene contattare, per questo, direttamente il parroco o qualcuno dei preti.

COMUNIONI - Tappa importante dell'iniziazione cristiana dei ragazzi. Verso i sette- otto anni vengono introdotti ufficialmente nella celebrazione della Messa comunitaria e nella Comunione eucaristica. La preparazione a tale sacramento è costituita da un itinerario di due anni (che inizia in seconda elementare) che consiste in un addestramento alla catechesi, alla liturgia, alla carità. Vengono coinvolti anche i genitori con itinerari propri. I genitori iscrivono il bambino all'itinerario all'inizio di seconda elementare presso la Segreteria dell'Oratorio. Se i bambini o i ragazzi non hanno ricevuto il battesimo è necessario segnalarlo diretta- mente al curato o al parroco per pensare al cammino appropriato.

CRESIME - Terza ed ultima tappa – dopo il Battesimo e la Prima Comunione – dell’iniziazione cristiana. Il sigillo dello Spirito viene a completare l’essere cristiano e l’appartenenza alla comunità del ragazzo. All’inizio dell’adolescenza – all’età che corrisponde alla frequenza della seconda media – il ragazzo viene accompagnato in un cammino di due anni. Al suo fianco ci sono ancora i genitori che vengono pure coinvolti dalla comunità. Ci si iscrive al cammino alla fine della quinta elementare con la celebrazione del “Rito di ammissione alla Cresima”. Anche i genitori dei Cresimandi sono coinvolti nel cammino attraverso alcuni incontri a loro dedicati.

MATRIMONI - La decisione importante di formare una famiglia è un momento rilevante anche per la comunità. Il matrimonio, per i cristiani, è un «grande sacramento». I fidanzati chiedono, quindi, alla comunità di essere accompagnati in un cammino di fede che li aiuti a comprendere il dono: un prete e un gruppo di coppie della comunità animano questo servizio. Finito il cammino, la coppia preparerà con la comunità la festa della celebrazione. In comunità si tiene un itinerario nel periodo gennaio-febbraio della durata di sette incontri. Per la preparazione della celebrazione occorre prendere contatto con il parroco almeno tre mesi prima sia per il disbrigo delle pratiche con le comunità parrocchiali e il comune di residenza sia per la preparazione della celebrazione stessa.

AMMALATI - La malattia è una esperienza dolorosa presente nella vita di tutti noi. Essa è anche una provocazione alla fede. La comunità può essere vicina. Con la visita del sacerdote o di qualche laico: per una vicinanza, un aiuto, una preghiera in comune. E possibile chiedere l’Eucarestia o la celebrazione della Messa in casa. L’unzione degli ammalati può essere celebrata in casa o in forma comunitaria una volta all’anno. La comunità celebra l’Unzione degli Infermi in maniera comunitaria nel mese di Settembre (quest’anno domenica 18 settembre) ponendo questo gesto “di cura” tra quelli che segnano l’inizio del cammino pastorale. Chi desidera una visita in casa o all’ospedale, o chi desidera una preghiera o una celebrazione può avvisare telefonando alla Segreteria Parrocchiale oppure avvisando i volontari dei gruppi caritativi.

FUNERALI - Celebrazione significativa della morte. Momento di lutto e di memoria, di preghiera e di speranza. Alla morte di uno di noi, l’avviso alla comunità favorisce un incontro nella casa del defunto dove si organizza una preghiera comune. Insieme, poi, si prepara la celebrazione del funerale. La comunità accompagna il defunto al cimitero dove avviene l’ultimo saluto. è un’occasione profonda di incontro tra un’esperienza umana decisiva e il Vangelo di Gesù. Il funerale richiede delle pratiche civili al Comune per il corteo e la sepoltura; e pratiche religiose alla parrocchia per la celebrazione. Per il rito del funerale è necessario accordarsi personalmente con il parroco per concordare l’ora e le modalità celebrative. Un modo per ricordare il defunto è la partecipazione all’eucarestia con la celebrazione della Messa di suffragio. Le messe di suffragio sono celebrate nei giorni feriali e può essere programmata e prenotata alla segreteria parrocchiale.

ORATORIO - Un’importante spazio di accoglienza, di ascolto, di gioco, di formazione, di educazione che ha per destinatari i bambini, i ragazzi, gli adolescenti, i giovani e le famiglie della comunità. L’oratorio può realizzare questa sua missione a nome di tutta la comunità grazie al suo cortile, alla segreteria e al bar aperti tutti i pomeriggi, alla presenza di semplici attrezzature per giocare e divertirsi in compagnia, alla disponibilità di aule e altri ambienti che si prestano a essere vissuti e abitati dai ragazzi e dalle famiglie nella dimensione dell’informalità, in quella più impegnata della catechesi o del laboratorio e per la celebrazione di piccole e grandi feste e raduni. Infine l’oratorio, per la sua vocazione e per le sue strutture, si presta a essere un luogo di impegno, di riferimento e di espressione per quella passione per il volontariato e per l’educazione che è, essa stessa, una missione pastorale della comunità in un territorio cittadino sempre in fermento e in evoluzione, chiamato a essere luogo di condivisione e snodo della rete sociale del quartiere e della città. Perché sia vivo l’oratorio ha bisogno di essere vissuto, preso in cura e pensato continuamente da tutti i suoi destinatari e soprattutto sostenuto e animato dall’impegno e dalla responsabilità della comunità adulta.

ASSOCIAZIONE LE PIANE - L’Associazione Le Piane offre attività di attenzione e servizio alla persona. Per sua natura vive una dimensione di servizio tipicamente laicale, che si radica all’interno della comunità cristiana da cui ha ricevuto il mandato. Molte sono le iniziative che offre sia in termini di attività istituzionali (Segreteria, Casa Anziani, Qoelet) sia in termini di appoggio a diverse attività comunitarie. L’Associazione è aperta a tutti coloro che desiderano legare la loro appartenenza ad un quartiere e alla comunità, ai giovani che volessero dedicare del tempo ad impegni sociali concreti, a coloro che sentono di avere competenze professionali da poter offrire, a coloro che avendo del tempo a disposizione desiderano dedicarlo per servizi o per attenzioni a chi ha più bisogno.

OFFERTE, DONAZIONI, CONTRIBUTI - Per chi lo desiderasse c’è la possibilità di partecipare alla vita comunitaria anche attraverso offerte e contributi che vengono utilizzati per i diversi progetti e per le varie strutture presenti in comunità. In questo periodo, attraverso le donazioni mensili per i Progetti Caritas si stanno sostenendo percorsi per la disabilità, per i minori e per le situazioni di povertà. I contributi per l’Oratorio oltre che per le attività per i ragazzi serviranno, nei prossimi mesi, per affrontare le spese di ristrutturazione. Le offerte e donazioni possono avvenire attraverso contributi mensili oppure attraverso la forma del “prestigratis” (prestiti che vengono restituiti senza interessi).

Gruppi parrocchiali