HOME PAGE
HOME PAGE
Parrocchia di San Lorenzo Martire - via Leone XIII, 15 - quartiere di Redona (Bergamo)
- Home
- Contatti - info
 
Calendario
- Pastorale
- Settimanale
 
Catechesi
- Catechesi adulti
 
Omelie
 
Contenuti CD
- Catechesi
- Itinerari
- Omelie
 
Archivio
- Eventi
 
Donazioni
- Su conto corrente
 
Periodico mensile
- DVD raccolta annate 1981-2008
- Sommari annuali
 
Collegamenti

I progetti Caritas e i gruppi caritativi
della Comunità Parrocchiale

Ci sentiamo comunità cristiana che si riconosce nella solidarietà, nella fraternità, nella carità. Non a caso! Sentiamo come nostra, come profondamente umana, la disponibilità a giocarci nei legami sociali e nei rapporti di prossimità. Riconosciamo in questo la bellezza di essere uomini e donne che si collocano consapevolmente ed appassionatamente dentro un territorio, dando forma alla città che abitiamo, condividendo la passione per l’uomo e per la concretezza della sua vita, ponendo attenzione alle situazioni di povertà e di sofferenza che l’uomo attraversa ed abita, prendendo parte ai dibattiti ed alle problematiche che gli si impongono, cercando di mantenere costantemente aperto sull’altro, sul diverso l’orizzonte del vivere comune. Ad alimentare questa passione sta il nostro ritrovarci attorno alla Parola ed al Pane, che domenica per domenica, giorno per giorno sostiene i nostri passi. Lì ci è dato costantemente di accorgerci della passione di Dio per l’uomo, per noi, per il mondo, per ogni persona segnata dalla povertà e dal male. Lì ci è dato di ritrovare la nostra passione per la Città, per il fratello che soffre, per l’uomo che cerca.
È a partire da qui che la nostra comunità si è abituata da tanti anni a pensare gruppi, spazi, luoghi, percorsi nei quali ridire in maniera fresca e viva la carità, pensandola in maniera progettuale e comunitaria, perché sempre più essa sia vissuta in maniera umana, evangelica ed attenta alle esigenze del nostro tempo. I progetti che indichiamo per questo anno, a partire da oggi, Giornata della Carità, sono quelli che ci sembra possano mantenere aperta l’attenzione e la sensibilità alla carità su situazioni di povertà particolarmente significative, alcune più vicine a noi ed al cammino della nostra comunità, altre più lontane. Essi sono coordinati e promossi dalla Caritas, che ha il compito di favorire la dimensione della carità della comunità parrocchiale attraverso la condivisione di una linea pastorale comune.



I Progetti
Fondo Caritas
È un fondo di solidarietà finalizzato con il quale è possibile risolvere e sostenere iniziative di attenzione per persone e/o famiglie in difficoltà, nella forma di piccoli prestiti o di aiuti nel pagamento, per esempio, di bollette (gas, luce e rifiuti) o di affitti. Questo tipo di aiuto viene offerto alle persone o famiglie del nostro quartiere con molto rispetto e discrezione. Permette anche di sostenere alcune situazioni difficili create dalla precarietà o addirittura dalla perdita del lavoro che rappresentano una nuova forma di povertà che si sta diffondendo e sta procurando sofferenza e fatica a molte famiglie anche del nostro quartiere. È un piccolo segno per sostenere coloro che, colpiti da questa fatica, perdono la speranza.
Disabilità e disagio
A sostenere le iniziative di questo progetto è il Gruppo Aquiloni. L’attività di questo gruppo richiede molto tempo, molta energia e molta organizzazione che riguarda sia la predisposizione delle singole proposte ludico-educative, sia l’accoglienza dei ragazzi per fare in modo che tutti possano partecipare. I fondi raccolti per questo progetto servono per sostenere gli atelier, i laboratori pomeridiani i progetti e l'attività di teatro, per organizzare momenti di ritrovo e di festa, per sostenere alcune spese quando vengono organizzate gite o brevi vacanze, per sostenere alcuni progetti di sollievo in particolare nei mesi in cui l'attività scolastica è ridotta. Sono attività che richiedono risorse economiche che riteniamo comunque ben spese per il supporto ai ragazzi e alle loro famiglie.
Minori
Il Progetto Minori è, all'interno della vita dell'Oratorio, una forma di attenzione e di solidarietà al percorso educativo di alcuni ragazzi in situazioni di disagio di varia natura. Questo progetto prevede: aiuto nello svolgimento dei compiti scolastici, in Oratorio per i ragazzi della scuola secondaria, presso le famiglie per i ragazzi della scuola primaria; percorsi di alfabetizzazione per ragazzi stranieri appena giunti in Italia, a fini scolastici e di inserimento nel quartiere; acquisto di testi scolastici; il fondo è utilizzato anche per favorire la partecipazione alle attività dell'Oratorio (Redonestate, campeggio, viaggi) e per permettere la frequenza alle attività sportive sul quartiere. In alcune situazioni si predispongono progetti specifici e mirati al singolo bisogno. Tutto questo coinvolge tanti ragazzi e rivela quanto è importante che qualche adulto si interessi della loro storia e della loro crescita umana. Spesso sono coinvolte anche le famiglie dei ragazzi; a volte si attiva una buona collaborazione con i Servizi Istituzionali (Comune, Scuola).

Banco Alimentare
Continua la sua attività il servizio di distribuzione di pacchi viveri indirizzato a famiglie bisognose. Pur essendo un piccolo segno che non ha la pretesa di risolvere i problemi, questo servizio costituisce un gesto di attenzione importante e ricco di significato che viene percepito dalle famiglie destinatarie con grande riconoscenza. Il servizio è organizzato in collaborazione con la San Vincenzo bergamasca, che mette anche a disposizione una certa quantità di alimenti per la distribuzione, ogni due mesi. Il servizio “Banco alimentare” della nostra comunità, che nel tempo è arrivato a raggiungere un discreto numero di famiglie ogni mese, ha la necessità di integrare la fornitura di alimenti per poter raggiungere tutti con un contributo che possa essere significativo. Con questo progetto “Banco alimentare” si vorrebbe coadiuvare il servizio della San Vincenzo parrocchiale con un contributo di solidarietà dalla gente della comunità.

Brasile - Curitiba
Nella capitale del Paranà le Suore delle Poverelle cercano di portare la loro testimonianza attraverso l’attenzione e la cura per tutti, soprattutto per i più poveri. Da oltre dieci anni tre suore della comunità di Curitiba aiutano ogni giorno un gruppo di bambini del quartiere provenienti dai “bolsões de pobreza” zone di povertà e li accoglie per tutta la mattinata (i bambini hanno scuola nel pomeriggio) tentando di restituire loro quella dignità umana e cristiana di cui hanno bisogno. Ai bambini viene offerto quotidianamente l’accompagnamento scolastico, l’igiene della persona, l’alimentazione (molti di loro hanno solo questo pasto) e lo spazio del gioco sereno. Tuttavia tutto questo non basta poiché conoscendo le storie di vita di questi bambini e bambine ci si rende conto che, già alla loro giovane età, hanno problemi complessi e nascondono ferite profonde che per la loro complessità richiedono l’intervento specialistico sia in ambito sanitario, sia in ambito psicologico. La nostra comunità vorrebbe provare a sostenere questi interventi specialistici che affiancano il lavoro delle suore affinché il tempo che questi bambini trascorrono grazie a questo progetto socio-educativo, possa essere uno spazio dove possono sentirsi amati, accolti, stimati e aiutati a “rialzarsi” e a guardare con speranza e con sorriso alla vita.

Burundi - Bujumbura
Da alcuni mesi con il supporto dell'Osservatorio di Redona e di un'associazione burundese è stata avviata una struttura di accoglienza per circa 20 bambini di strada di Bujumbura, capitale del
Burundi a cui viene fornita: ospitalità notturna e diurna, assistenza sanitaria di base, alimentazione equilibrata e quotidiana, attività di carattere educativo, sociale e culturale, assistenza psicologica. Da settembre i bambini, quasi tutti analfabeti, frequentano la scuola. Per tutte le attività sono seguiti da educatori burundesi, inizialmente coinvolti come volontari, da quando il centro ospita i bambini in permanenza percepiscono una modesta retribuzione. In questa seconda fase il progetto punta: a regolarizzare con contratti la posizione lavorativa degli educatori, a cercare di inserire alcuni bambini o nelle famiglie di origine, prevedendo interventi di aiuto come il microcredito, oppure in famiglie adottive secondo le consuetudini locali o in percorsi di formazione professionale per i più grandi. A sostenere il progetto collabora da alcuni anni anche [Irene], del nostro Quartiere, che dopo un viaggio in Burundi, vedendo i bisogni di quel paese, vi si è trasferita con il lavoro e lì vive il proprio volontariato.

Come aderire ai progetti
L’adesione e il sostegno ai Progetti può avvenire:
- attraverso un contributo mensile che viene raccolto nelle Messe
ogni ultima domenica del mese.
- oppure versando il contributo in casa parrocchiale
in orari di segreteria indicando il progetto per il quale si vuole dare il sostegno.


I gruppi caritativi
Caritas
Ha principalmente il compito di favorire la dimensione della carità nella comunità parrocchiale attraverso la condivisione di una linea pastorale comune. Il gruppo si incontra periodicamente al martedì alle 20,45 in casa parrocchiale; la segreteria Caritas si incontra invece ogni 15 giorni al mercoledì dalle 16,30 alle 18 per l'aggiornamento dei progetti e dei casi che sono seguiti nel quartiere.
San Vincenzo
Gli ambiti in cui offre il suo servizio sono: area delle povertà; minori e famiglie; visite alle case di riposo; visite agli anziani e ammalati in collaborazione con altri gruppi; coordinamento del Banco alimentare. Il gruppo si incontra il mercoledì mattina, ogni quindici giorni, dalle 9.15 alle 10.30, presso la sala dell'Associazione "Le Piane".
Unitalsi
Obiettivo principale è l'attenzione agli ammalati; in particolare: organizza il pellegrinaggio diocesano a Lourdes; collabora all'organizzazione di pellegrinaggi parrocchiali per anziani; visita gli ammalati i casa di riposo; organizza la giornata dell'Ammalato di settembre. Si riunisce il primo lunedì di ogni mese, alle ore 20.45, presso il Salone S. Lorenzo della Casa Anziani.
Gruppo Aquiloni
Espressione della Caritas parrocchiale è segno di cura e di amore per i disabili e per le loro famiglie. Il gruppo propone diverse iniziative: organizzazione di laboratori pomeridiani; proposta di momenti di spiritualità e di catechesi, o per il gruppo o con il resto della comunità; organizzazione di momenti di ritrovo e di festa. Il gruppo si incontra ogni terzo lunedì del mese alle 20,45.
Sostegno Scolastico
Alcune persone della Comunità offrono parte del loro tempo per accompagnare nei compiti scolastici i ragazzi della Scuola Primaria. Qualcuno li accoglie in casa propria il pomeriggio, qualcuno li affianca il mattino a scuola in accordo con gli Insegnanti. Questa attenzione negli anni è diventata attenzione diffusa nel quartiere, che ha coinvolto a turno parecchie persone: la Parrocchia ha suggerito la modalità e ha inaugurato uno stile possibile di dedizione agli altri, che ora è divenuto quasi 'endemico'.
Sportello Tempo di Lavoro
È un progetto che ha come finalità quella di accompagnare e avvicinare al mondo del lavoro ragazzi, adolescenti e giovani dai 16 ai 29 anni, attraverso stage formativi con il supporto dell'Associazione Formazione Professionale Patronato San Vincenzo. Attualmente si sta lavorando per creare una rete tra le parrocchie della città coordinate da una commissione nominata "Giovani e futuro" in collaborazione con il Centro META del Patronato San Vincenzo. L'obiettivo rimarrà quello di coinvolgere, accompagnare i giovani verso il lavoro e l'autonomia. Lo sportello offre anche accoglienza alle persone in cerca di lavoro e alle famiglie presenti sul territorio in situazioni di disagio. Oltre ad un ascolto attento si cerca di costruire dei progetti coinvolgendo i servizi sociali o le agenzie educative in relazione ai bisogni. Lo sportello è attivo presso le Piane il venerdì dalle ore 9,00 alle ore 11,00 o su appuntamento.
Associazione "Le Piane"
L'espressione di attenzione alla carità è svolta attraverso il lavoro di molti soci che prestano la loro opera gratuitamente per realizzare attività che privilegiano l'attenzione e il servizio alla persona. Per informazioni e collegamenti con le diverse attività è possibile rivolgersi alla Segreteria dalle 9.00 alle 11.30.
Banco Lavoro Caritas
Per 41 anni un pomeriggio alla settimana un gruppo di donne ha lavorato per realizzare opere di cucito e di ricamo finalizzando il lavoro a sostenere progetti di solidarietà. Quest’anno terminano la loro attività: rimaste in poche e con problemi legati all’età non hanno più le energie necessarie per continuare questa esperienza. La comunità esprime un grazie sincero per il loro preziosissimo lavoro che per anni ha arricchito gli interventi caritativi sul quartiere.

Gruppo Tobia
La nostra comunità è sensibile a tutte le forme di attenzione alla fragilità dell’umano, soprattutto a quelle che, nei diversi momenti storici, domandano particolare attenzione. Posta di fronte al mistero della sofferenza e della cura di una vita che sta finendo nella morte, ha promosso la costituzione di un gruppo ecclesiale di persone sensibili e adatte a trattare il tema del termine della vita e i problemi che esso comporta, a partire dai propri fondamenti etici e dalla legge civile da poco emanata. Siamo sicuri che la vicinanza finale della comunità, sia ai malati, sia alle loro famiglie, può aiutare a rendere più umano anche quel momento duro della vita, e può contribuire, così, ad aprire maggiormente alla speranza. Il gruppo parte con un nome, “Tobia”, nel segno del libro dell’Antico Testamento che custodisce figure e vicende capaci di dire insieme la preoccupazione per l’altro e per il suo male, la cura del suo corpo nella malattia e nella morte, la capacità di accompagnare condividendo.